L'Autunno in tavola!

By 04:04


CIAO!!!

Oggi parliamo di alimentazione, e lo facciamo dando uno sguardo particolare alla frutta e alla verdura di stagione, in particolare quella di questo mese.


Novembre è il mese dei primi freddi, è il momento in cui la natura si ritrae e si riposa…rallenta i suoi ritmi, rigenerandosi e preparandosi al gelido inverno, prima di esplodere in una splendida primavera. E’ questo il momento in cui la natura ci invita a rallentare,a stare al caldo, a nutrirci dei suoi frutti e ci fornisce i più adatti ad affrontare i rigori del tempo. Il nostro corpo, che è a ritmo con la natura anche quando lo costringiamo a ritmi di lavoro serrati e stressanti, trarrà enorme beneficio dal ritrovare la suo condizione naturale, ed il modo più sano per farlo è quindi assecondare il tempo, la stagione, e sfruttarne appieno le peculiarità.  Proviamo allora ad ascoltare il nostro corpo, a fare lunghe passeggiate nella natura, nei boschi  o dove ci è possibile, a bere spesso thè e tisane calde , a nutrirci di ciò che ora la natura ci offre. Cerchiamo di andare a dormire prima e svegliarci presto, seguendo maggiormente i ritmi del Sole. Integriamo la nostra dieta quotidiana con della frutta secca come noci,nocciole,mandorle.

Scopriamo insieme quali sono la frutta e la verdura di novembre:
FRUTTA:  cachi, castagne, mandarini, mandorle, melagrane,mele, nocciole,noci, pere, uva.

VERDURA:  broccoli,carote,cavolfiori,cavoli,cavolini di Bruxelles,cicoria, finocchi, funghi selvatici,lattuga a cappuccio,lattuga riccia, patate, porri,scalogni,sedano rapa,spinaci, tartufi bianchi e neri, zucche.

Vediamo in particolare alcuni tipi di frutta , ormai molto conosciuti e diffusi, che hanno importanti proprietà curative oltre ad un gusto piacevole. 

LA MELAGRANA

La melagrana  è il frutto del melograno, albero che può variare in altezza e dimensione, da piccolo arbusto o anche albero nano, fino a diventare uno di quegli alberi che accompagnano la crescita e la vita di un’intera famiglia. La melagrana possiede importanti proprietà toniche ed energetiche, ma soprattutto è un ottimo antiossidante, e davvero non dovrebbe mancare sulla nostra tavola di novembre.  E’ possibile mangiarlo tal quale, sbucciandolo e masticando i chicchi, oppure ricavarne una spremuta vermiglia da consumare rigorosamente appena fatta, proprio per non perdere le qualità antiossidanti del frutto. E’ favoloso anche per cucinare originali arrosti di carne, magari insieme a prugne fresche o secche, così come facevano gli antichi romani, che avevano la buona abitudine di cucinare la carne con accompagnamento di frutta di stagione. Personalmente adoro la melagrana e la trovo una risorsa preziosa e portatrice di vero benessere e vitalità. Concedersi qualche minuto per sgranare accuratamente una melagrana ci riporta ad una dimensione sensoriale antica, in cui occorreva tempo e impegno per preparare e gustare un pasto nutriente.


IL CACHI

Esistono due tipi di cachi, quello più diffuso detto loto morbido, e il cachi vaniglia, dal gusto a volte dolce a volte aspro e dalla consistenza più dura. Entrambi sono molto nutrienti e zuccherini, quindi attenzione a chi deve controllare la glicemia. Sono comunque ottimi, dolci, energetici e ricostituenti, perfetti per bambini, anziani, sportivi o per chi ha solo bisogno di tirarsi un po’ su di morale! Il loro bel colore aranciato porta un raggio di sole tra le nostre mani e sul nostro piatto. E’ leggermente astringente, quindi chi ha problemi di stitichezza non deve consumarlo quotidianamente.

LE CASTAGNE

Che frutti meravigliosi sono le castagne!! E quante possibilità ci offrono! Energetiche, digeribili, nutrienti, ricostituenti, non possono mancare sulla nostra tavola, sono davvero un must! Compriamole in quantità, controllando sempre la zona di provenienza , e poi consumiamole fresche se ci è possibile, oppure conserviamole in freezer, per averne una scorta. Possiamo farle bollite, in una pentola con acqua e due foglie di alloro, che servirà a pulirle e a dare un leggero aroma, oppure prepariamole arrosto, incidendone leggermente la buccia prima di cuocerle. Sono ottime anche per preparare la marmellata, la più famosa è quella di marroni, una varietà di castagne più scura e grande. E poi vabbè...il Mont Blanch...soprassediamo!!! ;-D

I MANDARINI

“Non esistono più i mandarini di una volta!”, dicono le nonne ,che hanno memoria di quei frutti arancio chiaro,leggermente schiacciati, che arrivavano in tavola così come Mamma Natura li aveva fatti: con buccia rugosa e con parecchi semi! E quel profumo frizzante e gioioso che stillava una volta schiacciata leggermente la buccia? Un profumo unico, inconfondibile, che rallegrava la tavola e i commensali… perché gli agrumi in generale sono tonici ed energizzanti, ma il mandarino in particolare ha qualità antidepressive ed il suo aroma agisce istantaneamente sull’umore, scacciando via ansie, nervosismi e paure, e rasserenando chi ha la fortuna di annusarlo.  Se avete bambini, procuratevi del buon olio essenziale di mandarino magari unito a quello di camomilla, e diffondetelo con un diffusore elettrico nella loro stanza o in casa: vedrete subito che questa miscela porterà a loro (e anche a voi!! ;-D ) equilibrio, buonumore,calma e serenità. Ritornando al frutto, oggi non è facile procurarsi dei veri mandarini,che non sono le clementine o i mapi o tutte le rivisitazioni genetiche che sono state fatte nel tempo. Ma se li trovate, non fateveli scappare! Deliziosa anche la marmellata di mandarino, che personalmente acquisto nei negozi bio e che consumo al mattino, spalmandola su qualche fetta biscottata integrale ed accompagnandola con un caldo thè verde dolcificato con del buon miele di arancio: una colazione sana, energetica e allegra, l’ideale per cominciare la giornata!

SPERO CHE QUESTO POST VI SIA PIACIUTO E POSSA ESSERVI UTILE!

A PRESTISSIMO!!! VALENTINA :-)

 

You Might Also Like

0 commenti